Se non visualizzi correttamente il messaggio, guardalo nel tuo browser

 
FIAB ONLUS

Fiab non si ferma mai!
Siamo stati al CosmoBike, con stad e importanti seminari. Strategico quello sulle Regioni, che ha prodotto un decalogo, piano di azione per i prossimi anni.
E poi impegnati per la 
Settimana Europea della Mobilità, che ha visto molto attive quasi tutte le nostre associazioni con centinaia di eventi in tutte le città.
Nel frattempo continuiamo ad occuparci di intermodalità, soprattutto di Treno+Bici, con un importante accordo siglato con RFI e con una lettera sui nuovi treni inviata insieme a molte altre associazioni.
E' "a regime" la nostra campagna "Bike2Work", per ora concentrata a Milano, ma destinata a diventare un "modello" per altre città (i filmati di promozione valgono ovunque da subito: guardateli e diffondeteli!).
Tra una campagna e l'altra abbiamo trovato poi anche il tempo di portare a Papa Francesco un messaggio a favore della bicicletta, a seguito delle dichiarazioni presenti nella sua Enciclica sull'ambiente, consegnandogli simbolicamente la tessera n. 1 del 2016.
E infine eccoci alla Campagna più importante delle prossime settimane "30 e lode", per cambiare veramente le nostre città, tutelare la sicurezza di bambini, pedoni, ciclisti ed altri utenti vulnerabili della strada (sulla scorta delle migliori esperienze europee).


... e volete che, con tutto questo lavoro, un 30 e lode non ce lo meritiamo?
 


FIAB presenta #30elode. La campagna sulla sicurezza nelle città

In occasione della ripresa della discussione della legge delega per la modifica al Codice della Strada, FIAB presenta oggi la campagna nazionale #30elode, sul tema della sicurezza nelle città, con un incontro stampa a Montecitorio. Al via il concorso a premi rivolto ai bambini di tutta Italia che, scrivendo al Presidente del Consiglio, sosterranno la proposta di introdurre nel nuovo Codice della Strada il limite dei 30 km/h come standard di velocità nelle strade urbane.

 

Giovedì 1 ottobre è stata una giornata intensa per chi si batte per una città a misura di persona.
A Montecitorio la FIAB ha presentato la campagna 30elode sulla sicurezza nelle città.
In seguito la nostra Presidente Pagliaccio ha fatto un'azione di disobbedienza civile andando a disegnare il simbolo del 30 su di una strada di Roma dopo che nella notte in diverse città italiane (Roma, Torino, Bologna, Trieste, Firenze e altre) numerosi cittadini avevano tatto lo stesso.

 

 

Un decalogo per gli uffici regionali della mobilità ciclistica

Chiediamo, per ogni Regione, un Ufficio per la Mobilità Ciclistica impegnato su 10 punti. Dalla tavola rotonda sul  “Il ruolo delle Regioni nella Mobilità Ciclistica" scaturisce il decalogo per gli uffici regionali della mobilità ciclistica. "Diventerà il piano di azione per i prossimi anni" dice Giulietta Pagliaccio, Presidente FIAB.

 

 

Fiab regala la tessera a papa Francesco

"A tanti dei temi ambientali che sono citati nella Sua Enciclica una soluzione è certamente l’uso della bicicletta, un modo equo e intelligente per muoversi nelle nostre città."

La Fiab ha voluto regalare a papa Francesco, nel corso dell’udienza di mercoledì 30 settembre,  la prima tessera della campagna 2016. Accolta con un sorriso dal Pontefice nel comune affetto per Sorella bici. La Presidente Giulietta Pagliaccio ha consegnato al vescovo di Roma anche un saluto di Manfred Neun, Presidente della ECF - Federazione Europea dei Ciclisti.

 

 

In bici al lavoro: partecipa anche tu

Andare in bici al lavoro è attività quotidiana per i Soci Fiab e per molte altre persone. Fiab ha sempre sostenuto questa modalità ed ha lanciato, da diversi anni ormai, il "Bike2WorkDay" ovvero la Giornata Nazionale dedicata all'uso della bici per il percorso casa-lavoro. Quest'anno c'è una novità, perchè si è aperta una vera e propria campagna "Bike2Work", iniziata già da qualche giorno e, per adesso, concentrata sulla città di Milano.

 

4 bei video da far girare (canale Youtube di Fiab onlus)

 

 

Trenitalia acquista 500 treni. E le associazioni ambientaliste chiedono vagoni attrezzati per le bici.

Trenitalia sta per acquistare 500 nuovi treni. Occorre sia prevista la realizzazione di vagoni attrezzati per il servizio di trasporto bicicletta a seguito del passeggero (su esempio delle vetture in dotazione in molti Paesi Europei). E' questa la richiesta contenuta in una lettera sottoscritta da FIAB insieme a molte altre associazioni ambientaliste ed indirizzata al ministro Delrio, alla dirigenza delle Ferrovie e alle Commissioni Trasporti di Camera e Senato.

 

Protocollo d'intesa RFI-FIAB. Stazioni più accessibili per la bici.

Favorire l’integrazione modale treno+bici, migliorare l’accessibilità delle stazioni e facilitare, a chi usa le due ruote, gli spostamenti in ambito ferroviario. Attrezzare circa 180 stazioni a livello nazionale, nell’ambito del progetto 500 stazioni di RFI, con stalli dedicati per il parcheggio delle biciclette. Sono gli obiettivi del Protocollo d’Intesa fra FIAB e RFI, siglato oggi a Roma da Giulietta Pagliaccio, Presidente nazionale della FIAB, e da Maurizio Gentile, Amministratore Delegato di RFI.

 

Sei su FACEBOOK? Hai già messo "mi piace" nella pagina FIAB? Cosa aspetti?

Hai visto il nuovo sito della rivista BC? Ancora più ricco di storie e di notizie

Vuoi aiutarci a diffondere le nostre proposte pro-bicicletta? Segui il sito FIAB e condividi l'articolo del giorno su Facebook!

 

FIAB ONLUS

via Borsieri 4/E
20159 - Milano MI

http://www.fiab-onlus.it

Ai sensi del D.Lgs. 196/2003, il contenuto di questa e-mail è rivolto unicamente alle persone cui è indirizzato, e può contenere informazioni di cui è tutelata la riservatezza. Sono vietati la riproduzione e l'uso di questa e-mail in mancanza di autorizzazione del destinatario. Se avete ricevuto questa e-mail per errore, vogliate cortesemente avvisarci per telefono o fax.

Per cancellarti dalla newsletter di FIAB ONLUS clicca qui