Se non visualizzi correttamente il messaggio, guardalo nel tuo browser

FIAB ONLUS

 

La FIAB sul Danubio. Un nobile Biciviaggio

Il cicloraduno FIAB 2013, divertente e solidale.

Città in bici: concluso il concorso fotografico

Nuova legislatura, nuove proposte per la mobilità ciclistica

Con il 5x1.000 aiuti la tua città a pedalare meglio.

I veneti antichi con lo sconto


 

 

La FIAB sul Danubio. Un nobile Biciviaggio

Una nobile Ciclovia, anzi “regale”! La Regina delle piste ciclabili d’Europa, quella che tutti i  cicloturisti devono considerare perché il successo di questo percorso ha spianato la strada per tutte le altre ciclabili in tutta Europa.

La FIAB propone il biciviaggio sulla ciclabile del Danubio dal 27 luglio al 3 agosto. 7 giorni sicuri, facili e piacevoli, pedalando senza difficoltà nella storia e nell’arte delle civiltà che si sono evolute lungo uno dei principali fiumi d’Europa, che ha mantenuto scorci naturalistici e ambientali unici. Una occasione per toccare con mano l’infrastruttura ciclabile di maggior successo d’Europa e incontrarne i promotori che oltre vent’anni fa hanno avuto l’intuizione di trasformare il percorso utilizzato dai cavalli che trascinavano le chiatte controcorrente in una formidabile occasione di sviluppo turistico. La “Donau Radweg” Passau Vienna è diventata da allora la meta obbligata e preferita di chi vuole intraprendere la splendida avventura del cicloturismo.

I biciviaggi FIAB sono occasioni per incontrare e pedalare con altri soci da tutta Italia. Le iscrizioni alla Passau Vienna e agli altri tre Biciviaggi estivi FIAB (Francia, Svizzera e Sardegna) sono aperte da qualche giorno e si possono ottenere maggiori informazioni alla pagina: http://www.biciviaggi.it/viaggi_2013.htm o scrivendo alla mail info@fiab.-onlus.it.

 Iscrizioni riservate ai soci in regola con il tesseramento 2013.

Torna al sommario

 

Il cicloraduno FIAB 2013, divertente e solidale.

Ormai è tradizione che una volta l'anno le associazioni della FIAB si ritrovino per pedalare tutte insieme.

E' un'occasione per ammirare e conoscere meglio l'Italia, in bici, in un clima conviviale e con guide locali. Tra una pedalata e l'altra si discute delle battaglie "ciclo-ecologiste" della FIAB e delle associazioni aderenti.

Quest'anno il raduno durera 5 giorni da mercoledì a domenica, e si svolge su strade poco trafficate tra Piacenza - Cremona - Parma - Reggio Emilia - Modena e si svolgeràin collaborazione con il Consorzio Città D'arte della Pianura Padana.

Ogni giorno si può scegliere tra percorsi facili o più impegnativi. In tutte le città accoglienza speciale e visite guidarte. In conclusione un grande festival del cicloturismo.

Domenica andremo tutti assieme a Sozzigalli di Soliera per la posa della prima pietra del progetto "Biciclertte a Fiumi" , l'iniziativa di solidarietà, ideata dalla FIAB, per sostenere le polazioni colpite dal terremoto del 2012.

Il programma dettagliato e la scheda di iscrizione online è sul sito www.cicloraduno.it 

Torna al sommario

 

Città in bici: concluso il concorso fotografico

Si è appena conclusa la selezione delle foto del primo concorso  fotografico nazionale organizzato dalla FIAB dal titolo: "Città in bici: più bella più viva più mia. Per una città ciclabile e sostenibile", aperto a studenti delle scuole superiori e universitari.

Nel sito FIAB Scuola sono stati pubblicati i nomi degli autori delle foto vincitrici con le motivazioni della giuria.

La Presidente FIAB Giulietta Pagliaccio, il Consiglio Nazionale FIAB, Germana Prencipe e tutto lo staff organizzativo del Concorso Città in bici ringraziano sentitamente per le donazioni ricevute  per la sensibilità espressa dai donatori ai temi della mobilità sostenibile.  Un grazie speciale va in particolare a tutti gli studenti e i docenti che hanno partecipato con le loro classi.

La mostra delle foto sarà itinerante e le associazioni FIAB potranno organizzare eventi nella loro città.

Il 1° evento con l’inaugurazione della mostra fotografica si svolgerà a Mestre (Venezia) presso la Banca INGDIRECT in via Poerio a Mestre il 24 maggio ore 18.00 con la partecipazione della Presidente FIAB Onlus Giulietta Pagliaccio. Vedi programma della giornata.

Torna al sommario

 

Nuova legislatura, nuove proposte per la mobilità ciclistica

La legislatura appena iniziata, la diciassettesima per la precisione, ha di fronte sicuramente molti scogli da superare, ma se dobbiamo giudicare dai primi segnali che ci arrivano, parte sotto buoni auspici per quanto concerne le politiche nazionakli della mobilità.

Già nei primi giorni sono pertanto arrivate alcune proposte di Legge già assegnate alla commissione trasporti della camera.

 La prima porta la firma di  Alessandro Bratti (PD), Modifiche al codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, in materia di tutela dell’utenza debole e per il miglioramento della sicurezza della mobilità ciclistica e pedonale.

La seconda vede come primo firmatario  Ermete Realacci (PD e Presidente Commissione Ambiente camera) ed ha per titolo “Introduzione del titolo V-bis del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, recante disposizioni per la tutela e lo sviluppo della mobilità ciclistica”.

Per quanto concerne il Senato è stato presentato sempre a inizio maggio un disegno di legge da parte del Sen. Antonio De Poli di Scelta civica e assegnato al vaglio della commissione Lavori pubblici dal titolo Disposizioni per la predisposizione del Programma nazionale per la mobilità ciclistica nonché per la realizzazione della rete degli itinerari ciclabili d'Italia”.

Sempre alla commissione Lavori pubblici del Senato è stata assegnato il disegno di legge per il miglioramento della sicurezza stradale e la prevenzione degli incidenti con veicoli e delega al Governo per il riordino della segnaletica stradale, promosso dal Sen. Marco Filippi del Pd.

Da segnalare infine il commento del neo Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando. “La bici – ha sottolineato il ministro dell’Ambiente -, è il simbolo della mobilità sostenibile e intelligente, fa bene all’ambiente e alla salute. Lo straordinario successo che sta vivendo questo mezzo negli ultimi anni è il segnale che è finalmente passata nell’opinione pubblica la convinzione che la bicicletta sia un’alternativa valida per il trasporto delle persone e non solo uno strumento utile per lo sport e il tempo libero”.

Speriamo che alle parole seguano i fatti.

Torna al sommario


Con il 5x1.000 aiuti la tua città a pedalare meglio.

Sappiamo che non basta avere ragione e avere buone idee. Bisogna anche condividere le idee in tanti e trovare risorse per farle conoscere. Con il 5x1000 la FIAB riesce a sostenere le campagne per migliorare la ciclabilità in Italia e a produrre del materiale che amministratori e tecnici utilizzano affinchè anche il nostro paese diventi "amico della bicicletta".

Sostenere la FIAB è una buona idea perchè con noi aiuti la tua città a vivere meglio. Nella prossima denuncia dei redditi firma nel campo per le organizzazioni di volontariato e scrivi il codice 11543050154. Non occorre che ti ricordi il numero, ce l'hai già scritto sulla tessera!

I veneti antichi con lo sconto

I soci FIAB di tutta Italia sono invitati a compiere un viaggio del tutto straordinario, quello nella terra dei Veneti antichi, al Palazzo della Ragione di Padova fino al 17 novembre.

Presentando la propria tessera associativa alla biglietteria, infatti, potranno conoscere i “Venetkens” alla tariffa ridotta di € 5.

Una mostra archeologica che è già un grande successo di pubblico e critica, un viaggio nel tempo e nello spazio che racconta la civiltà che abitò il nord-est italiano nel corso del I millennio a.C.

Torna al sommario

 

FIAB ONLUS

via Borsieri 4/E
20159 - Milano MI

http://www.fiab-onlus.it

Ai sensi del D.Lgs. 196/2003, il contenuto di questa e-mail è rivolto unicamente alle persone cui è indirizzato, e può contenere informazioni di cui è tutelata la riservatezza. Sono vietati la riproduzione e l'uso di questa e-mail in mancanza di autorizzazione del destinatario. Se avete ricevuto questa e-mail per errore, vogliate cortesemente avvisarci per telefono o fax.

Per cancellarti dalla newsletter di FIAB ONLUS clicca qui